11 Novembre 2021

Carlo Ratti incontra gli studenti e studentesse del Collegio

News

L’archistar Carlo Ratti ritorna alla Fondazione Collegio Einaudi nell’ambito del progetto di formazione personalizzata, dialogando e coinvolgendo una virtual classroom di 160 studenti e studentesse del Collegio Einaudi condotta dal Dott. Bruno Surace!

Il modo in cui viviamo, lavoriamo e giochiamo è molto diverso oggi rispetto a pochi decenni fa, grazie, in gran parte, a una rete di connettività che ora comprende la maggior parte delle persone sul pianeta.

Allo stesso modo, oggi siamo all’inizio di una nuova rivoluzione tecnologica: Internet sta entrando nello spazio fisico – il dominio tradizionale dell’architettura e del design – diventando un “Internet of Things” o IoT.

In quanto tale, sta aprendo le porte a una varietà di applicazioni che – analogamente a quanto accaduto con la prima ondata di Internet – possono abbracciare molti domini: dall’energia alla mobilità, dalla produzione alla partecipazione dei cittadini.

Questo il contenuto della parte introduttiva dell’incontro che si è poi sviluppato su tre direttrici: il ruolo della creatività nella progettazione del mondo del futuro, le differenze strutturali fra ricerca in Italia e nel contesto internazionale (prevalentemente quello statunitense), il valore aggiunto della vita collegiale.

Su questo specifico punto Ratti ha dimostrato una sensibilità particolare rispetto alle potenzialità di crescita offerte dall’esperienza di vita comune in un collegio.

«Una cosa bella della realtà collegiale è proprio il mettere insieme persone che studiano cose diverse e arrivano da ambienti diversi»

In chiusura Ratti ha invitato non solo simbolicamente la classe a farsi avanti, a proporre le loro idee, anche direttamente a lui e ha spronato gli studenti e le studentesse ad ‘essere agenti mutageni nel mondo!’

Altra piccola curiosità: Carlo Ratti è il figlio di un nostro ex allievo del Collegio Einaudi!

[Foto d’archivio 2016]